Ci siamo messi in cammino con i corsi di tedesco quando ancora era proibito insegnare la seconda lingua nelle scuole materne; abbiamo ripreso a esplorare nuovi percorsi educativi al tempo di Fidonet, molti anni prima dell’avvento di Internet. Nel 1991 Tangram aveva già attivato la biblioteca online “Didakta” e poco dopo aveva aperto il Centro di Autoapprendimento delle Nuove Tecnologie, primo “Lernzentrum” non solo in Alto Adige, ma anche in Italia. Siamo partiti in pochi per trovarsi all’improvviso in compagnia di migliaia di persone che erano interessate come noi a esplorare nuovi mondi con visite guidate, conferenze e pubblicazioni sulla storia locale, frequentare laboratori di artigianato, di musica, di canto e corsi di informatica.

Nei due piani della sede di Merano ci si trova per studiare lingue, anche le meno diffuse come l’arabo e il russo, e per assistere alle numerose conferenze di storia o su temi di attualità o per avere indicazioni sulle nuove attività.

Il viaggio non si è fermato neppure con la terribile pandemia del Coronavirus perché Tangram ha saputo convertire sin da subito molte delle sue proposte in corsi a distanza condotti sotto forma di videoconferenza, offrendo così nuovi stimoli alla crescita culturale.